mercoledì 6 dicembre 2017

Io venia pien d’angoscia a rimirarti

“Ascoltami Orazio, l’uomo è la sua propria paura; se potrà attraversarla, se potrà viaggiare dentro di essa come in un paese straniero, allora quella paura sarà più bella, ed ei potrà riguardarla come una favola”.

Nessun commento: