lunedì 24 luglio 2017

domenica 23 luglio 2017

ARC=ARTERICERCACONTINUA (Bruno Munari)

L'arte è ricerca continua, assimilazione delle esperienze passate, aggiunta di esperienze nuove, nelle forma, nel contenuto, nella materia, nella tecnica, nei mezzi.

BRUNO MUNARI 
ANTICIPA I PRIMI VIDEOGIOCHI, VEDI "ADVENTURE"




MONDO NARRATO






un mondo di copertine di libri imperdibili!!!

sabato 22 luglio 2017

Cent'anni di solitudine (Cien años de soledad)

l'individuo è divorato dalla storia e la storia è divorata a sua volta dal mito

La vita non è quella che si è vissuta,
ma quella che si ricorda
e come la si ricorda per raccontarla.

Niente racconta di più di una persona del modo in cui muore.

Non è vero che le persone smettono di inseguire i sogni perché invecchiano, diventano vecchi perché smettono d’inseguire sogni.

Non può piovere per tutta la vita.


dai menestrelli al teatro l'arte di raccontare


DARIO FO sul raccontare:
il lavoro > il canto
> il menestrello-buffone
> il teatro > il cinema > ....
http://www.letteratura.rai.it/articoli/dario-fo-scrittori-per-un-anno/34786/default.aspx


mercoledì 19 luglio 2017

l'arte abitabile

“Il ruolo dell’arte è creare un mondo che può essere abitato”

William Saroyan

sabato 15 luglio 2017

Ri-cercare

Questo è un laboratorio di ri-cerca. Ri-cercare vuol dire cercare di nuovo? Vuol dire che stanno cercando qualcosa che avevano trovato una volta e che poi è scappata, in un modo o in un altro, e adesso devono ri-cercarla? Perché dovevano costruire un palazzo come questo […] e riempirlo di tutti questi matti? Cos'è che cercano di trovare di nuovo? E chi l'ha perduto?

E io mi domandai rispetto al presente, quanto vasto fosse, quanto profondo fosse, quanto fosse mio.

Kurt Vonnegut

domenica 9 luglio 2017

Salvatore Satta

La casa non sarebbe stata ugualmente mia, perché nostra non è la casa che ci facciamo, ma la casa che ci viene tramandata dai nostri padri, quella che riceviamo apparentemente gratis, in realtà attraverso il lavoro, onesto o disonesto, delle generazioni.

la nascita e la morte sono i due momenti in cui l'infinito diventa finito, e il finito è il solo modo di essere dell'infinito

Per conoscersi bisogna svolgere la propria vita fino in fondo, fino al momento in cui si cala nella fossa. E anche allora bisogna che ci sia uno che ti raccolga, ti risusciti, ti racconti a te stesso e agli altri come in un giudizio finale.

Gli animali sono eterni, perché non hanno speranza.

Il senso dell'utile e dell'inutile è estraneo a Dio e ai bambini: esso è l'elemento diabolico della vita.

In fondo la caratteristica dei nostri tempi è quella di aver reso le cose senza importanza.